Meningite

Meningite

> Azienda
> Divisione Farmacie
> Divisione Ospedaliera
> Divisione Diagnostici

CONTATTI

Eurospital spa
via Flavia 122
34147 Trieste
ITALIA

Telefono
+39 040 89.97.1
Fax
+39 040 28.09.44

 

 

 

Clicca qui per approfondire l'argomento


Diagnosi Polmonite

La diagnosi della polmonite, malattia che spesso può essere trascurata per confusione di sintomi con gli ordinari disturbi influenzali, rappresenta la prima soluzione di fronte all'uso non sempre appropriato degli antibiotici nella cura delle polmoniti. Un fenomeno questo che ha portato, negli ultimi anni, ad un preoccupante aumento dei batteri resistenti a uno o più di questi farmaci nonostante i progressi in campo terapeutico.

A seconda della causa, esistono varie forme di polmonite: quella batterica, quella virale e le polmoniti da altri agenti eziologici.

Le più comuni polmoniti batteriche (secondo recenti studi, causano il 68% delle polmoniti batteriche negli adulti ed il 37% nei bambini) sono dovute all'infezione da Pneumococco, un batterio in grado di provocare delle infezioni invasive molto gravi Ogni anno, in tutto il mondo, le infezioni da pneumococco uccidono 1.600.000 persone, tra i quali circa un milione di bambini (dati organizzazione mondiale della sanità - OMS). In genere, questo microrganismo raggiunge i polmoni attraverso il tratto respiratorio superiore per via inalatoria o per aspirazione, i primi sintomi della polmonite pneumococcica sono quasi sempre caratterizzati da una infezione delle alte vie aeree con insorgenza improvvisa anticipata da un forte brivido. Seguono: dolore durante la respirazione dalla parte del lato colpito (pleurismo), tosse, dispnea (difficoltà a respirare, con sensazione di oppressione toracica) e produzione di escreato. Spesso compare anche febbre, con temperature sino a 38-40,5°C, polso ed atti respiratori accelerati. In pratica, una diagnosi di polmonite pneumococcica dovrebbe sempre essere sospettata in tutti i casi di malattia febbrile acuta associata a brivido, dolore toracico e tosse. La profilassi si avvale, oggi, di un vaccino polisaccaridico purificato, che offre protezione contro 23 sierotipi di S. pneumoniae.

Un'altra grave forma di polmonite batterica che necessita di opportuna diagnosi, è la polmonite da Haemophilus influenzae, un batterio che fu erroneamente chiamato in causa come responsabile dell'influenza durante la pandemia del 1889. Oggi, nella maggior parte degli studi su infezioni polmonari acquisite in comunità (CAP), rappresenta una causa relativamente comune di polmoniti batteriche, secondo solo allo Streptococcus pneumoniae. I ceppi del batterio più virulenti sono quelli contenenti il polisaccaride capsulare di tipo b (Hib). La profilassi (vaccino) è raccomandata per tutti i bambini dai 2 ai 5 anni, che non siano stati precedentemente immunizzati.

La polmonite da Klebsiella pneumoniae, meglio nota come polmonite di Friedländer, difficilmente colpisce adulti sani, mentre le categorie più a rischio sono i bambini, gli anziani, i pazienti debilitati e gli immunocompromessi.

Le polmoniti virali sono dovute a virus che possono causare infezioni del tratto respiratorio inferiore. Tra i virus più comuni nella prima e nella seconda infanzia ricordiamo l'Adenovirus. Negli adulti sani, invece, i soli patogeni virali riscontrati di frequente sono quelli dell'influenza A e B. Il quadro clinico di un'infezione virale delle basse vie aeree include, generalmente, sintomi quali: mal di tesa, febbre, mialgie e tosse con espettorato mucopurulento

La polmonite infine può essere provocata anche da presenza nei polmoni di corpi estranei, per esempio di particelle di cibo, o da agenti chimici irritanti. E' per questa ragione che nei pazienti sottoposti a intervento chirurgico il naso e la bocca vengono liberati, mediante aspirazione, dalle secrezioni locali, le quali potrebbero insediarsi nei polmoni durante l'operazione.

La polmonite ogni anno in Europa colpisce da 4,7 a 11,6 persone ogni mille abitanti, vale a dire circa tre milioni di persone (tanto bambini quanto adulti, anziani e persone debilitate causa la concomitanza di altre malattie), che possono essere curate in maniera efficace e tempestiva grazie ad una diagnosi della polmonite corretta accompagnata ad un giusto trattamento farmacologico. continua >>